Sorin

Sorin

[pic] [pic] Corso di ECONOMIA DEI GRUPPI AZIENDALI Dott. Emiliano Di Carlo A. A. 2009-2010 il gruppo ??? logo del gruppo Gruppo di studio: 1. Cognome e nome (triennio/biennio) 2. Cognome e nome (triennio/biennio) 3. Cognome e nome (triennio/biennio) 4. Cognome e nome (triennio/biennio) Indirizzo e-mail del gruppo di studio Economia del gruppo ??? 1. Sintesi della storia del gruppo (Max 3 pp. ) 2. Azionariato della holding e delle societa piu importanti (nel caso dei gruppi di gruppi evidenziare anche l’azionariato della holding di primo livello e delle eventuali sub-holding intermedie).

Inserire grafico e commentare Se sono stati stipulati patti di sindacato, evidenziare le parti piu importanti del contenuto degli stessi 3. Partecipogramma del gruppo (nel caso dei gruppi di gruppi evidenziare anche il partecipogramma della holding di primo livello e delle eventuali sub-holding intermedie) Inserire grafico e commentare 4. Organigramma della holding (nel caso dei gruppi di gruppi evidenziare anche l’organigramma della holding di primo livello e eventuali sub-holding intermedie) [pic] Rappresentazione di nostra elaborazione Legenda: unzioni accentrate nella holding Il modello organizzativo adottato e strutturato su due livelli: Corporate: Presidente, Amministratore Delegato, Amministrazione Finanza e Controllo, Corporate Development, Corporate Legal Affairs, Internal Auditing, Risorse Umane & Organizzazione, Information Technology,

Désolé, mais les essais complets ne sont disponibles que pour les utilisateurs enregistrés

Choisissez un plan d'adhésion
responsabili della definizione degli obiettivi strategici e dell’ottenimento delle sinergie a livello di Gruppo. Business Unit : Cardiac Rhythm management, Cardiopulmonary, Heart Valves che riflettono le aree terapeutiche in cui Sorin opera.

Le tre Business unit definiscono la strategia globale di marketing, focalizzandosi sull’eccellenza nell’innovazione e nella produzione nei rispettivi segmenti di mercato. Dall’accentramento delle funzioni corporate nella holding si deduce che Sorin s. p. a. sia una holding pura che svolge funzioni di guida, coordinamento e controllo della gestione del gruppo non essendo coinvolta nelle attivita produttive in senso stretto del gruppo. L’attivita operativa (nell’accezione piu ampia del termine) e affidata oggi alle tre business unit create a seguito della ristrutturazione organizzativa intervenuta nel corso del 2009.

Pertanto la struttura organizzativa attuale del gruppo e quindi per business unit e non piu a matrice (business,geografica), focalizzata sul core business aziendale circoscritto alle tre business unit sopra menzionate. Il modello organizzativo per business unit consente di avere: • chiarezza nei ruoli e nelle responsabilita • un’adeguata visibilita sulle performance • un’efficace gestione dei rischi e dei controlli. • Maggior efficienza nell’utilizzo delle risorse • Pianificazione piu solida e coordinata tra vendite e produzione Miglior focalizzazione sui prodotti e sugli interlocutori chiave dei vari business. Non avendo informazioni specifiche sull’organizzazione interna delle sub-holding ipotizziamo che queste siano organizzate ORGANI SOCIALI SOCIETA’ QUOTATA SORIN S. P. A. Modello di amministrazione e controllo adottato dalla Holding : MODELLO TRADIZIONALE Sorin ha adottato il sistema di amministrazione e controllo basato sulla presenza del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale.

In questa struttura il Consiglio, cui spetta la gestione ed al tempo stesso, nella sua collegialita ed attraverso specifici comitati dotati di funzioni propositive e consultive, la verifica dell’esistenza dei controlli necessari per monitorare l’andamento della Societa, viene affiancato da un organo, esterno al Consiglio stesso, dotato di autonome competenze e poteri e nominato in base a requisiti di professionalita, onorabilita ed indipendenza definiti per legge ed integrati in via statutaria. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

La Societa e attualmente amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da quindici membri, nominati nel corso dell’assemblea ordinaria del 30 dicembre 2008 (ad eccezione degli Amministratori Albertini, Fossa, Guindani e Ragno, cooptati dal Consiglio in data 14 dicembre2009), secondo quanto previsto dallo Statuto, per la durata di tre esercizi. Composizione del consiglio di amministrazione di Sorin s. p. a. : |Nominativo |Carica ricoperta | Rosario Bifulco |Presidente | |Giovanni Gorno Tempini |Vice Presidente | |Andre-Michel Ballester |Amministr. Delegato | |Claudio Albertini |Amministratore | Giuliano Asperti |Amministratore | |Paolo Baessato |Amministratore | |Andrea Bovone |Amministratore | |Giorgio Fossa |Amministratore | Pietro Guindani |Amministratore | |Ettore Morezzi |Amministratore | |Enzo Nicoli |Amministratore | |Giovanni Pavese |Amministratore | Luigi Ragno |Amministratore | |Francesco Silva |Amministratore | |Claudio Agostino Zulli |Amministratore |

Il Presidente Rosario Bifulco e l’Amministratore Delegato Andre Michel-Ballester sono gli unici Amministratori cui sono stati attribuiti poteri esecutivi oltre quelli spettanti per norma di legge. al Presidente sono conferiti i seguenti poteri: • coordinamento dei lavori del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Esecutivo e gestione dei relativi uffici di segreteria; • supervisione del corretto funzionamento delle regole di Corporate governance; • sovrintendere a eventuali revisioni ed aggiornamenti degli organigrammi societari da ottoporre all’approvazione del Comitato Esecutivo o del Consiglio di Amministrazione; • supervisione e vigilanza sull’andamento aziendale, anche attraverso una continua interrelazione con l’Amministratore Delegato nel rispetto delle reciproche competenze; • sovrintendere alla funzione di Internal Audit ed alla funzionalita del Sistema di Controllo Interno; • gestione degli affari legali e societari della Societa e del gruppo; • gestione delle attivita di relazioni esterne con istituzioni, autorita, enti e soggetti terzi, azionali ed internazionali, la stampa, gli organi di informazione, le associazioni di categoria e la comunita scientifica; • gestione dei rapporti con la comunita finanziaria, gli azionisti e gli investitori. Sono stati pertanto posti alle dirette dipendenze del Presidente e rispondono funzionalmente allo stesso i seguenti uffici: Segreteria di Presidenza, Segreteria del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Esecutivo, Segreteria Tecnica, Affari Legali e Societari di Gruppo, funzione di Internal Audit, Relazioni Esterne ed Investor Relations.

Il Consiglio di Amministrazione ha conferito all’Amministratore Delegato l’incarico di curare la gestione ordinaria della Societa con responsabilita degli uffici (ad eccezione di quelli che rispondono direttamente al Presidente), del personale, dei beni e degli impianti, nonche la corretta e prudente conduzione dell’attivita aziendale. Al Vice Presidente Giovanni Gorno Tempini sono attribuiti i poteri di sostituzione del Presidente per le funzioni di Presidente dell’Assemblea dei Soci. COMITATI INTERNI

In seno al Consiglio di Amministrazione, la Societa ha adottato, sin dalla sua costituzione, il Comitato per il Controllo interno e il Comitato per la Remunerazione. Tali Comitati hanno funzioni meramente consultive ed assistono il Consiglio di Amministrazione nelle istruttorie riguardanti le materie di rispettiva competenza. Entrambi i Comitati sono regolati da un apposito regolamento interno. I Comitati anzidetti sono attualmente composti di tre membri, tutti Amministratori non esecutivi ed in maggioranza indipendenti. COLLEGIO SINDACALE

Il Collegio Sindacale e l’organo cui spetta la vigilanza sull’osservanza della legge e dello Statuto, sul rispetto dei principi di corretta amministrazione ed in particolare sull’adeguatezza del Sistema di Controllo Interno nonche dell’assetto organizzativo, amministrativo e contabile e del suo concreto funzionamento; e inoltre chiamato a valutare l’indipendenza e l’idoneita tecnica della societa di revisione che esercita il controllo contabile e a proporre all’assemblea dei soci la scelta della societa di revisione, sulla base di un parere rilasciato dal Comitato per il Controllo Interno e di una successiva delibera del Consiglio di Amministrazione. Il Collegio Sindacale della Societa e costituito da tre Sindaci Effettivi e da tre Sindaci Supplenti e risulta cosi composto: |Nominativo |Carica ricoperta | Marco Spadacini |Presidente | |Diego Rivetti |Sindaco effettivo | |Andrea Zaglio |Sindaco effettivo | |Diego Ferrari |Sindaco supplente | |Cesare Piovene Porto Godi |Sindaco supplente | Patrizio Tumietto |Sindaco supplente | 5. Distribuzione della catena del valore tra le societa del gruppo Inserire grafico e commentare 6. La matrice autonomia decisionale/economica Inserire grafico e commentare 7. Varie ed eventuali IL DISTRETTO DI MIRANDOLA In questa sezione si vuole segnalare la partecipazione di Sorin ad un importante distretto industriale italiano specializzato nel settore biomedicale: il distretto di Mirandola. Collocato nel Modenese abbraccia i comuni di: Mirandola, Medolla, Concordia, Cavezzo, San Felice sul Panaro, San Possidonio, San Prospero. [pic] E considerato il piu importante polo industriale a livello Europeo nel campo biomedicale.

Il distretto di mirandola e specializzato in tre settori sanitari portanti: renale, cardivascolare e trasfusionale sia come accessori monouso in materiale plastico (disposable) che come apparecchiature elettromedicali (le due specializzazioni produttive). La struttura industriale del distretto include: – grandi multinazionali quali Gambro Dasco, B. Braun Avitum, Tyco, Fresenius e Sorin; – aziende medie; – una fitta rete di aziende terziste. Anche se e importante rilevare che il settore biomedicale e conteso da pochi grandi gruppi tra cui troviamo anche Sorin group. Sorin sino al 2008 era presente nel distretto con produzioni in tutti e tre i settori sanitari compreso quello renale prima della cessione.

Oggi permangono all’interno del distretto le produzioni del comparto “controllo del ritmo cardiaco” e “chirurgia cardiaca”. E interessante capire il perche molti gruppi multinazionali collochino le proprie produzioni all’interno di un distretto. Pertanto bisogna individuare quali sono i punti di forza di questo tipo di aggregazione produttiva. Punti di forza del distretto: – Competenze tecnologiche ad alto contenuto innovativo, supportatela  meccanismi organizzativi e relazionali distretto industriale (rapida circolazione delle informazioni, stile di gestione partecipativo, spirito di appartenenza degli addetti) – Partecipazione e supporto delle imprese leader per la crescita delle imprese minori Flessibilita produttiva, qualificazione della manodopera e alta qualita dei prodotti – Adeguato sviluppo dell’indotto (aziende e servizi anche di settori correlati) – Per fornire servizi alle piccole imprese del settore, le aziende si sono poi consorziate fondando Consobiomed. Le finalita del consorzio sono quelle di facilitare l’introduzione  dei sistemi per il controllo della qualita di prodotto e processo, agevolare la raccolta delle informazioni  rendendole disponibili agli imprenditori, mantenere aperto ogni canale per favorire  l’acquisizione di nuova conoscenza in tema di innovazione tecnologica, organizzazione della produzione, promozione commerciale e marketing, abbattendo i costi di reperimento.

Dall’analisi dei punti di forza e le caratteristiche del mercato biomedicale, si ricava che: essendo il settore biomedicale conteso da pochi gruppi societari,la concorrenza per questi grandi gruppi richiede oltre all’innovazione continua, un sempre maggiore contenimento sul versante dei costi e una snella flessibilita organizzativa in grado di massimizzare l’adattamento della risposta industriale alla domanda di mercato in modo piu efficiente e veloce rispetto agli altri competitors. La globalizzazione dei mercati e la caratteristica di multinazionale tipica dei principali attori del settore biomedicale,fanno si che l’allocazione dei nodi della rete aziendale sia ormai un fattore basilare,nella definizione delle strategie di gruppo.

Il modo piu efficace per rispondere all’entrata nel mercato di nuovi soggetti asiatici di grandi dimensioni in grado di competere direttamente con le multinazionali sopracitate,tra cui quindi anche Sorin,e mantenere la leadership tecnologica,acquisita in anni di esperienza e condivisione di conoscenze all’interno del distretto;tale difesa non e da intendersi in senso passivo (cioe mero sfruttamento del vantaggio di posizione), ma piuttosto intesa in senso attivo come potenziamento delle capacita di rinnovamento tecnologico e difesa dei risultati attraverso la coesione delle migliori risorse umane. Nel corso del 2009 a dimostrazione dell’importanza strategica di porsi all’interno del distretto industriale di Mirandola il gruppo ha completato il trasferimento delle produzioni dal sito di Denver a quello Modenese . Allegati – Stato Patrimoniale, Conto economico e Rendiconto Finanziario della holding + criteri di valutazione Stato Patrimoniale, Conto economico e Rendiconto Finanziario consolidato del gruppo + criteri di valutazione ———————– PRESIDENTE Rosario Bifulco AMMINISTRATORE DELEGATO Andre Michel Ballaster VICE PRESIDENTE CORPORATE OPERATION Kieran Tuite VICE PRESIDENTE & IT CHIEF FINANCIAL OFFICER Demetrio Mauro GENERAL COUNSEL Brian Sheridan VICE PRESIDENTE RISORSE UMANE Stephane Bessette CHIEF INTERNAL AUDIT Aldo Lombardi PRESIDENTE BU HEART VALVES Davide Bianchi PRESIDENTE BU CARDIOPULMONARY AND INTERCONTINENTAL Michel Darnaud PRESIDENTE BU CARDIAC RHYTM MANAGEMENT Stefano Di Lullo CHIEF SCIENTIFIC OFFICER Franco Vallara PRESIDENTE STRATEGIC PLANNING Eric Beard